Valentino Camiletti

La pittura una passione atavica

Biografia

 

06

Valentino Camiletti ama il tema della natura da sempre, e la sua conoscenza scientifica della fauna e della flora (in modo particolare quella alpina) la deve molto al suo passato di illustratore per riviste del settore come Reserves naturelles (revue des reserves naturelles et ornithologiques de Belgique - Bruxelles).

Ha illustrato anche per la C.E.B.O. che nelle Fiandre corrisponde alla nostra L.I.PU. e per il W.W.F. La pittura è una passione che ha nel sangue fin da quando ancora giovanissimo inizia ad eseguire copie di maestri impressionisti e fiamminghi per il Museo Civico di Como. La pittura ad olio che ha imparato come autodidatta però non gli basta più e volendo imparare nuove tecniche frequenta l'Istituto Europeo del design a Milano. Qui oltre ad apprendere la tempera, l'acquerello, l'aerografo e il pastello, ha modo di specializzarsi nel disegno naturalistico e nell'anatomia animale.

La sua tecnica, detta “mista”, comprende abitualmente acquerello, guazzo, pastello e a volte anche acrilico. In questi ultimi anni così frenetici e un po’ superficiali per l'arte convenzionale, sempre asservita alle mode e alla ricerca di tecniche digitali astruse, Camiletti decide di approfondire di persona e da autodidatta le sue conoscenze artistiche. Studia con passione le opere degli antichi maestri del rinascimento italiano e fiammingo. Ne rispolvera le antiche tecniche di bottega del 300 e 400 come ad esempio la tempera all'uovo su tavola e su pergamena, cosi esemplarmente spiegata dal Cennini nel suo “Trattato di pittura”. Quella di Camiletti è un'arte piuttosto singolare per i nostri tempi affrettati e superficiali; una attività artistica contro corrente, fatta di lente e antiche ritualità, di pazienti stesure di colore e sottili velature eseguite con pigmenti che spesso arrivano dalla natura per rappresentare di nuovo la natura in tutte le sue forme.

Anche se in questi ultimi anni si è specializzato come “Animalier”,egli non disdegna il ritratto, il paesaggio e la natura morta che spesso esegue su commissione.

Camiletti Valentino